Progetto Giovani

MISSION

Preservare le potenzialità dei giovani: curiosità per la vita, vitalità, entusiasmo, innocenza, senso di giustizia, creatività. Incoraggiare i ragazzi che hanno capacità extra sensoriali (multidimensionali) ad usare i loro doni spirituali; questi ragazzi sono molto sensibili e intuitivi.

Creare un luogo di ritrovo sereno e sano, per accompagnare i giovani in una fase della loro vita, significa farli sentire compresi e considerati. Come è stato per i bambini indaco, così ora dobbiamo fare per i ragazzi del ventunesimo secolo, che sono portatori di codici di luce specifici per aiutarci nella transizione in questa epoca storica.

Perciò, dobbiamo prima di tutto comprenderli, invece di cercare di cambiarli e assoggettarli a schemi di pensiero e di comportamento imposti e attuati per conformare, programmare la personalità, alimentare e servire uno specifico tipo di sistema.

Alcune TEMATICHE di cui dialogare, per le quali i ragazzi\e mostrano interesse, o si sentono in risonanza:

  • Ricordo di vite passate
  • Sogni premonitori
  • Telepatia
  • Spiccata empatia
  • Comunicare con gli Angeli
  • Percepire i defunti
  • Vedere l’Aura
  • Canalizzare
  • Forte attaccamento ai valori di pace, giustizia, amore universale
  • Profonda sintonia con la Natura, intuire il suo linguaggio

Abbiamo anche il dovere di tramandare le tradizioni, le origini dei popoli, inclusi i “Mondi” vibrazionali -con i quali coesistiamo- sempre più manifesti nell’epoca presente. I nostri antenati conoscevano bene e utilizzavano naturalmente, con maestria, le multidimensioni.

Sapere chi siamo, da dove proveniamo, dove stiamo andando, nel senso sia terreno che stellare, ci consente di procedere nel cammino dell’esistenza con sicurezza in noi stessi, di partecipare alla vita con maggiore fiducia, si innesca una scintilla vitale potente, che aumenta il potere personale. I legami di appartenenza sono come una linfa vitale, che danno una forma e una sostanza agli individui, pertanto non vanno rinnegati, o trasfigurati, ma riconosciuti.

Ecco allora che il racconto, utilizzato dal narratore adulto (una volta era il ruolo riconosciuto sopratutto ai nonni, ai saggi del paese, agli sciamani) diviene un mezzo per trasmettere e insegnare la Conoscenza e l’esperienza ai più giovani.

Un’ altro punto fondamentale è mantenere viva la partecipazione in presenza, in quanto essa favorisce il senso della realtà ed entusiasma gli animi (al contrario di quando si interagisce per ore attraverso internet, che rimanda una visione distaccata e quasi irreale, oltre a prosciugare energeticamente).

Per concludere, il fine di questo progetto è quello di accogliere i giovani che desiderano condividere capacità extra sensoriali e un “sapere innato” che intuitivamente riconoscono e mettono in pratica nel quotidiano.

L’obiettivo è anche quello di condividere le Conoscenze e l’esperienza di vita acquisite dagli adulti e raccontarle ai giovani individui, compresi aneddoti di vita nel quotidiano del recente passato così diverso da oggi (nostro, o dei nostri genitori), per arricchirli nella mente e nello spirito, stimolarli a partecipare all’esistenza con la loro innata curiosità, a esporre le loro opinioni e impressioni, e a trarre conclusioni anche diverse dal narratore.



La sessione può essere individuale e personalizzata, oppure di gruppo (da due persone in su).

I minorenni devono essere necessariamente accompagnati dai genitori.

Rientrano nella categoria del “Progetto Giovani” gli individui fino all’età di 25 anni.

Per i ragazzi\e e per i giovani il costo della sessione è agevolato, con prezzo ulteriormente scontato per il gruppo.

Per informazioni, o per concordare un appuntamento, scrivi un messaggio di richiesta dalla pagina dei Contatti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: